AVVISO AI LETTORI:

AVVISO AI VISITATORI: Questo blog è "migrato" da Myblog a Blogger il 1° ottobre 2012. Ho trasferito una parte dei vecchi post in questa nuova "sede", ma chi volesse saperne di più di me, di Lilli e del nostro "passato" può andare a dare un'occhiata QUI

venerdì 2 febbraio 2018

Venerdì del libro (261°): I GARBATI MANEGGI DELLE SIGNORINE DEVOTO

Cara Lilli,

oggi è venerdì e si torna a parlare di libri, per seguire l'iniziativa di HomeMadeMamma

Ho deciso di proporti un romanzo che mi ha tenuto compagnia per qualche giorno all'inizio dell'inverno: I GARBATI MANEGGI DELLE SIGNORINE DEVOTO - ovvero, Un intrigo a Sesti Ponente, di Renzo Bistolfi.

Posso dire che il titolo in questo caso rispecchia davvero il contenuto: infatti, garbatissima è la storia, ambientata negli anni '50 in Liguria, che vede protagoniste tre anziane sorelle nubili, rispettate e tenute in grande considerazione da tutta la comunità del paese in cui vivono. 

Santa, Mariannin e Siria Devoto si troveranno un pò per fatalità, un pò per loro volontà ad indagare sui fatti che stanno accadendo e portando turbamento nella quiete di Sestri Ponente e in particolar modo nella Via Privata Vassallo, in cui si trova la loro abitazione fin da quando sono nate.

Una morte apparentemente inspiegabile, una misteriosa scomparsa,  una serie di personaggi ben caratterizzati che ruotano intorno alle tre signorine: Bistolfi ha saputo creare un'atmosfera piacevole dalle sfumature gialle e rosa, con in più una vena di ironia, anch'essa garbata.

Questa lettura mi ha ricordato molto i romanzi di Andrea Vitali che ho letto l'anno scorso, anche se a dire il vero non ne ho parlato direttamente qui sul blog. Entrambi gli autori hanno la capacità di far sentire il lettore non mero spettatore della storia, ma partecipe come se fosse presente davvero lì a chiacchierare con i personaggi, con una semplicità che è assai meno scontata di quanto possa apparire. Perchè a mio parere ci vuol talento a scrivere in questo modo, con ritmo pacato ma non noioso, familiarmente ma con cura.

Un libro che raccomando per respirare una boccata d'aria buona, staccare la spina dall'odierna caotica vita e conoscere uno spicchio di varia umanità di un tempo che non è lontanissimo, ma neppure più troppo vicino a noi.



I suggerimenti di altri blogger per questo venerdì del libro li trovi elencati QUI

16 commenti:

  1. Interessante, mi piacciono i libri di Vitali e se questo è coinvolgente come quelli dell’autore del lago vale la pena di leggerlo. Grazie Maris e buona notte.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è piaciuto, come Vitali anche Bistolfi fa della quotidianità e delle persone "comuni" le protagoniste della storia. Te le fa sentire vicine, come se le conoscessi dal vivo, ecco. Una piacevole sensazione quando si legge!
      Un abbraccio, buon fine settimana.

      Elimina
  2. Ma dai, niente male!
    Lo leggerò con grande curiosità ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non male, infatti. Una lettura per un perfetto relax, in modo intelligente e carino.
      Buon fine settimana :)

      Elimina
  3. Grazie per questa tua dritta, da come ne parli è un libro che piacerebbe anche a me, soprattutto per il fatto di sentirsi quasi protagonista e non semplice lettore/spettatore della storia narrata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una lettura di quelle che risulta molto familiare, con una rappresentazione della vita quotidiana (anche se un pò datata, essendo ambientata negli anni '50) che ti fa sentire parte della storia, come dicevo.
      Per una pausa di relax io la consiglio senz'altro!
      Un abbraccio, cara Luna.

      Elimina
  4. Mi piace molto Vitali, quindi mi segno il tuo libro e prima o poi lo leggerò di certo. Io ho recensito "Il Falco e il Leone" secondo volume di Hyperversum... baci!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti piace Vitali dovrebe piacerti anche questo libro qui :)
      Ma Manu, sai che cosa è successo? Io giorni fa ho letto e commentato la tua recensione de Il falco e il leone, ma vedo che il ommento è sparito :( se non erro è successo anche un'altra volta in passato e da poco anche con un'altra blogger... ma che nervoso!! Ora torno da te a commentare di nuovo, sperando che stavolta vada a buon fine ;)
      Un bacione e buona lettura!

      Elimina
    2. Hai ragione su Martewall, è piaciuto molto anche a me anche se all'inizio gli avrei dato un pugno sul naso con la sua ansia di vendicare Derangale! Ma le vedi le cicatrici sulla schiena di Ian santo cielo?!?! Diciamo pure che per capire che si deve opporre al re gli serve che gli faccia fuori il padre ... un po' testardo il ragazzo. Però mi piace, ha dei valori cavallereschi ed alla fine è capace di chiedere scusa. Chissà se lo rivedrò nei prossimi libri... Mi sta già pigliando la curiosità 😛

      Elimina
    3. Un pugno sul naso se lo sarebbe meritato davvero in un primo momento!! :D
      Togliti la curiosità quando vuoi... e mi raccomando in quel caso fammelo sapere, eh!
      Baci.

      Elimina
  5. Avevo già letto un parere positivo su questo libro e, siccome mi aveva colpito, lo avevo inserito in lista.la tua opinione mi conferma che ho fatto bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio una gradevolissima lettura, si: io la consiglio!

      Elimina
  6. L'ho letto anche io e mi è piaciuto. Concordo con il tuo giudizio. Un saluto e buone letture

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere :)
      Buone letture anche a te, Stefy!

      Elimina
  7. Risposte
    1. E' carino davvero, io ribadisco che lo consiglio per starsene un pò in relax.

      Elimina

GRAZIE DEL TUO COMMENTO, TORNA A TROVARMI :-)