AVVISO AI LETTORI:

AVVISO AI VISITATORI: Questo blog è "migrato" da Myblog a Blogger il 1° ottobre 2012. Ho trasferito una parte dei vecchi post in questa nuova "sede", ma chi volesse saperne di più di me, di Lilli e del nostro "passato" può andare a dare un'occhiata QUI

lunedì 4 novembre 2013

Flashback: Luna di miele - OPATIJA

Cara Lilli, 

continuo con i miei flashback sulla luna di miele: stavolta arriviamo alla seconda tappa, Opatija in Croazia.

Lascio la parola a me stessa, col post del 12 maggio 2010:


Cara Lilli,

ti ho lasciato col racconto della mia luna di miele sulla laguna di Venezia... Ora proseguo con la seconda tappa, quella più lunga (una settimana): Opatija, in Croazia.

Abbiamo raggiunto in treno Trieste (da sottolineare che si trattava stavolta non di un Eurostar bensì di un semplice Interregionale senza aria condizionata, con fuori almeno 40 gradi...) dove abbiamo solo sostato per un'oretta in attesa di prendere il pullman che ci avrebbe poi condotto ad Opatija. 

Sai una cosa? Partendo da Trieste abbiamo varcato nel giro di mezz'ora circa  2 confini! Trieste, infatti è a pochi chilometri dal confine con la Slovenia, mentre dopo un altro quarto d'ora di tragitto si passa il confine con la Croazia.
 
Opatija è stata la nostra "casa" per una settimana, come ti accenavo prima, e credimi se ti dico che lì abbiamo vissuto davvero giornate d'incanto. Non tanto per ciò che abbiamo fatto (nulla di particolare, la classica vita da mare) quanto per il clima rilassato e piacevolissimo che abbiamo riscontrato in quel luogo.

A cominciare dall'albergo in cui abbiamo alloggiato facendo la mezza pensione: affacciato sul mare, grande, imponente...eppure molto "familiare".  Nella spaziosa sala ristorante sembrava di stare quasi a casa propria: ogni settore aveva un cameriere che serviva ai tavoli (sempre lo stesso ogni sera) il che giorno dopo giorno ti permetteva di conoscerlo meglio: noi in particolare avevamo una cameriera, Sonia....la mitica Sonia! Anche adesso se ci penso mi viene nostalgia del suo fare allegro e confidenziale quanto bastava per metterci a nostro agio ma allo stesso tempo attento e professionale. Aveva imparato i nostri gusti e gli ultimi giorni ci faceva trovare già sul tavolo le nostre bibite preferite! E poi cercava di parlare un pò di italiano (come molti del luogo) e questo ce la rendeva ancora più simpatica.

Il mare di Opatija ha una caratteristica: a parte la limpidezza, è gelato! Si, anche a tarda mattinata, sotto un sole che picchia in testa, ti tuffi e per i primi minuti hai l'impressione di trasformarti in un cubetto di ghiaccio :-D ...solo dopo un pò cominci ad avvertire un senso di benessere tonificante.

I pomeriggi li abbiamo dedicati al riposo e poi ad una bella passeggiata. Due minuti ed eravamo sul lungomare, tra gente festosa ma non chiassosa, tra alberghi tutti in fila, tra aiuole e fiori.

Opatija ti dà l'impressione della cittadina che vive di turismo, che si è "aperta" all'occidente per così dire con quel pò di modernità che serve ad attirare i villeggianti, ma conserva un qualcosa di orientale (pur non essendo un paese dell'estremo est) e di antico...non so spiegarlo bene a parole...ha un tratto vagamente "retrò" che la rende affascinante. Lo ritrovi nell'architettura, nello stile dei lampioni, nelle fontane.

Un ricordo su tutti: passeggiando in un tratto più appartato del lungomare, nel sole basso del tramonto, abbiamo seguito la stradina che procede curvando e ci siamo trovati su una rotonda riparata dagli alberi che affaccia su un gruppo di scogli...su uno di questi, il più alto, si trova la statua che è il simbolo della città: la "Ragazza col gabbiano". Il tutto è avvenuto con un suggestivo sottofondo musicale: chissà dove (io non sono riuscita a vederlo) qualcuno stava suonando un vecchio organetto...

La "Ragazza col gabbiano" - Opatija

Ecco: quello è stato un piccolo frammento di eternità, Lilli, in bilico tra passato e presente. Quello è stato forse il cuore della luna di miele.

(continua)


20 commenti:

  1. Un abbraccio e un sorriso e un grazie... Grazie per avermi fatto entrare nel... cuore della tua luna di miele!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio blog come dico sempre è nato per questo: condividere emozioni :-)
      Un bacio!

      Elimina
  2. Mi incanti quando scrivi, lo sai? Bello ripercorrere con te momenti così felici. Io te ne auguro un sacco e una sporta in futuro, per continuare a sognare. La Croazia non la conosco, deve essere splendida...il mare gelido mi lascia titubante però perchè io anche ad agosto resto un'ora a riva prima di tuffarmi, ahah!! Passa da me, tesoro, ho indetto un giveaway e sarei contentissima se partecipassi :-). Un bacio e buon inizio di settimana!!! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah il mare gelido è una costante di quelle coste a quanto mi hanno detto! Ma è bellissimo, limpido e tonificante ;-)
      Grazie Ros, sono contenta che ti piaccia leggere ciòche scrivo.
      Scusa se non sono ancora passata date, lo faccio adessooooooooo...!
      Bacione.

      Elimina
  3. Molto bella anche questa tappa di ricordi, sebbene i luoghi non sarebbero tra i primi che sceglierei, per gusto personale.
    Un caro abbraccio,

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neppure io credevo che mi sarebbe piaciuta così tanto quella zona, invece poi siamo stati benissimo e ci siamo immersi in una deliziosa atmosfera....sarà stato l'amore che era nell'aria a rendere tutto più bello ;-)

      Baci, Miki.

      Elimina
  4. Bellissimo seguirti in questi ricordi..!

    RispondiElimina
  5. Ciao Stella Maris, mi piacciono molto i post dedicati alla tua luna di miele e me cojons (con rispetto parlando) per l'albergo di opatija. io sono stata solo a Capo verde, precisamente nell'isola di Sal ( in due ore te la giri tutta).
    bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti invidio, nonostante la ristretta superficie dell'isola di Sal, cara Betty: io vorrei tanto andare a visitare un paese africano! Magari un giorno lo farò (ma mio marito dubito che potrà accompagnarmi, a meno che non facciano una bella autostrada diretta dall'Italia all'Africa!!!).
      Comunque, l'albergo di Opatija sebbene fosse bello e attrezzato non ci è costato molto: cogliemmo al volo una buona occasione ;-)

      Baci!

      Elimina
  6. Che bei ricordi, Maris.

    Tienili preziosi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non temere, Gianni, li conservo tutti in cuore!

      Elimina
  7. Abbazia (a me piace chiamarla così) è bellissima. Io adoro quel posto stupendo. Sono di Trieste, noi chiamiamo ancora con i nomi italiani le belle città istriane sul mare. I tuoi ricordi sono dolcissimi. Bacioni cara ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero,mi ricordo che il nome italiano di Opatija è Abbazia.
      Sarai felice del prossimo post sulla luna di miele, perchè indovina di che città parlerò? La tua: Trieste :-)
      Un abbraccio!

      Elimina
  8. Ci sono stata molti, ma molti anni fa. mi pare un secolo e....provo un pò di rimpianto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di certo anche io tra tanti anni la ricorderò con nostalgia grandissima...
      Un bacione, Franci.

      Elimina
  9. Ma che bello questo tuo flashback sulla luna di miele, devo andare a leggere gli altri.
    Mi piace troppo come scrivi Maris e ancora di più mi piace l'albergo :P scherzo ;)
    Un bacio stellina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Miky!
      E si vede proprio che sei la gemella diversa di Betty :D anche lei ha apprezzato molto l'albergo ;-)
      Un bacio anche a te, amica mia.

      Elimina
  10. Che voglia di viaggio che mi fai venire...

    RispondiElimina

GRAZIE DEL TUO COMMENTO, TORNA A TROVARMI :-)